nfo@italiaradio.eu Whatsapp +39 (366)-(188)-545

Il ragazzino che ha ucciso un gattino con un calcio è stato identificato e denunciato

Il ragazzino che ha ucciso un gattino con un calcio è stato identificato e denunciato
Da: Alla Radio Pubblicato In: Ottobre 16, 2020 Visualizzato: 10

Il ragazzino che ha ucciso un gattino con un calcio è stato identificato e denunciato

Qualche mese fa a Casoria, in provincia di Napoli, un ragazzino ha preso a calci un gatto per strada, scaraventandolo contro un muro, mentre un suo amico lo riprendeva con lo smartphone. L’orribile video è finito in rete, su TikTok, suscitando l’indignazione di tutti; la vicenda è diventata nota solo adesso, ma in realtà il fatto risale al settembre scorso.

Finalmente i Carabinieri della Compagnia di Casoria sono riusciti a identificare i due giovani e a denunciarli per maltrattamento di animali: si tratta di un diciassettenne di Casoria e di un quindicenne di Casalnuovo. L’episodio si è verificato in via De Nicola, a Casoria, ed è stato proprio il video a far scattare le indagini, vista la violenza perpetrata ai danni del felino. Il reato di maltrattamento di animali è previsto nell’articolo 544-ter del Codice Penale ed è punito con la reclusione da 3 a 18 mesi o con una sanzione che va dai 5mila ai 30mila euro.

La denuncia dell’accaduto è partita dalla Liv Onlus: “Quando ci arrivò quel video, decidemmo come in tanti di pubblicarlo, per darne notizia e cercare di capire chi fossero gli autori del vile gesto – ha spiegato l’associazione su Facebook - All’inizio le notizie erano frammentarie, confuse, solo dopo un paio d’ore scoprimmo che il post era di circa un mese fa, ma che era stato reso pubblico solo oggi. Tuttavia, ci arrivarono telefonate in cui si affermava che potesse essere ancora vivo e che persone il giorno dopo sarebbero andate a cercarlo. Ci siamo aggrappati a questo con tutte le nostre forze, ma le notizie si rincorrono di minuto in minuto. Di tutta questa terribile storia – si conclude il messaggio - non rimane che un gattino morto e una umanità sempre più perduta”.

SEGUICI