nfo@italiaradio.eu Whatsapp +39 (366)-(188)-545

Ecco la storia della Calza della Befana

Ecco la storia della Calza della Befana
Da: Alla Radio Pubblicato In: Gennaio 04, 2021 Visualizzato: 9

Ecco la storia della Calza della Befana

Trascorso il Natale, arriva il momento dell’Epifania, una celebrazione da sempre molto sentita, soprattutto dai bambini che attendono con ansia il 6 gennaio, per scoprire quale sarà il contenuto delle calze. Dolci e giocattoli per i più buoni e qualche pezzo di carbone per i più vivaci. Così vuole la tradizione. Ma qual è la vera storia della calza della Befana? Dove affondano le radici di questa usanza, nata nella tradizione pagana, ma accolta e rivisitata anche da quella cristiana?

Le sue origini sono molto lontane, addirittura antecedenti all'introduzione della figura di un'anziana signora con una scopa e con abiti poveri. Il rito è concomitante con il solstizio d’inverno, a partire dal quale, le ore di luce aumentano progressivamente. E, proprio in questo periodo dell’anno, nell’antica Roma, pare fosse diffuso il ricorso alle calze. Numa Pompilio, uno dei sette re di Roma, sembra fosse solito appendere una calza all’interno di una caverna, tra il solstizio d’inverno e i primi giorni di gennaio. Secondo una leggenda popolare, infatti, una ninfa avrebbe potuto riempirla con i doni della natura.

Nel Cristianesimo avvenne un sorta di rivisitazione dell’usanza pagana. Una leggenda ne fa risalire le origini al XII secolo, collegando la celebrazione al ruolo dei Re Magi e alla figura di una solitaria nonnina. Secondo la narrazione popolare, per raggiungere Gesù, i Re Magi chiesero indicazioni a un'anziana donna, che però si rifiutò di credere alla nascita del Salvatore. Dopo qualche giorno, la vecchietta si pentì e, per farsi perdonare, decise di passare casa per casa a portare dolci e regali ai bambini, nella speranza che uno di questi fosse Gesù.

SEGUICI