nfo@italiaradio.eu Whatsapp +39 (366)-(188)-545

“I Simpson avevano previsto tutto”: l’ironia dei social sull’assalto al Congresso USA

“I Simpson avevano previsto tutto”: l’ironia dei social sull’assalto al Congresso USA
Da: Alla Radio Pubblicato In: Gennaio 08, 2021 Visualizzato: 11

“I Simpson avevano previsto tutto”: l’ironia dei social sull’assalto al Congresso USA

Quello che sta accadendo negli Stati Uniti in queste ore sta facendo molto discutere; sul web e, in particolare, sui social ci sono tante anche persone che stanno ironizzando sull’assalto al Congresso. Alcuni utenti, ad esempio, hanno sottolineato il fatto che i Simpson, com’è già più volte accaduto in passato, sembrano aver previsto tutto.

Nello speciale di Halloween del cartoon creato da Matt Groening, intitolato “Treehouse of Horror XXXI”, viene raccontato dello scoppio di una guerra civile negli USA, con disordini in tutto il Paese e con importanti conseguenze di una rivolta in un periodo molto buio della storia americana, a proposito del quale si accenna anche a una data, il 20 gennaio 2021, ossia la data ufficiale che, nella realtà, sancirà l’insediamento del nuovo Presidente, Joe Biden.

I Simpson sapevano anche questo”. “I Simpson sono dei profeti”. “I Simpson danno migliori predizioni di Paolo Fox”: questi sono solo alcuni dei commenti ironici degli utenti dei social. Ci sono anche alcuni fan dell’iconico cartone che affermano di iniziare “ad avere paura” e a pensare che il programma sia un po’ “inquietante”. C’è anche chi, invece, ipotizza che siano proprio i Simpson a influenzare l’opinione pubblica: “In America guardano i Simpson e poi si comportano di conseguenza”, ha ipotizzato qualcuno.

Secondo molti fan del cartone, insomma, Groening è semplicemente un acuto osservatore della realtà del presente e, per questo motivo, riesce anche a ipotizzare cosa accadrà successivamente. La puntata che sta facendo tanto discutere inizia il giorno delle elezioni del 3 novembre del 2020: Marge chiede a Homer di andare al seggio di Springfield per votare ma lui non sa a chi dare il suo voto. A quel punto interviene Lisa, che invita il padre a riflettere sull’amministrazione Trump e i suoi difetti; alla fine Homer si convince e va a votare, ma poi scopre che era stato tutto un sogno: si era addormentato proprio il giorno delle elezioni e il suo voto mancato sarebbe stato decisivo.

A quel punto Springfield diventa teatro dell’apocalisse: gli edifici vanno a fuoco, i robot invadono le strade cittadine e alla fine Homer sale sul tetto della sua casa indossando un’armatura e imbracciando un fucile. Quest’ultima immagine è diventata ben presto virale sui social in queste ore.

SEGUICI