nfo@italiaradio.eu Whatsapp +39 (366)-(188)-545

Shock a Milano: adolescenti si sfregiano il volto per testare la soglia del dolore

Shock a Milano: adolescenti si sfregiano il volto per testare la soglia del dolore
Da: Alla Radio Pubblicato In: Gennaio 11, 2021 Visualizzato: 12

Shock a Milano: adolescenti si sfregiano il volto per testare la soglia del dolore

Lunedì scorso una ragazzina di 14 anni, accompagnata da un amico 17enne, si è presentata al pronto soccorso dell’ospedale Cernusco sul Naviglio, nel Milanese, con dei tagli alle estremità delle labbra.

I due adolescenti, in un primo momento, avevano raccontato di essere stati accerchiati e aggrediti con dei coltelli da un gruppo di ragazzi alla fermata della metro Cassina dè Pecchi. Ma questa versione fin da subito non aveva convinto gli investigatori, che hanno voluto ascoltare il ragazzo.

Alla fine il 17enne ha ammesso che lui e l'amica si sono procurati da soli quelle ferite per fare una "prova" e verificare il loro livello di sopportazione al dolore. Stando alla ricostruzione del ragazzo, la prima a sottoporsi ai tagli è stata la 14enne. Ma quando è stato il suo turno di incidere il volto dell'amico, la ragazzina, sopraffatta dal dolore, si è fatta accompagnare in ospedale.

Inizialmente le agenzie di stampa avevano diffuso la notizia parlando di un “tentativo di emulare il ghigno di Joker” da parte dei due ragazzini. Ma il procuratore presso il Tribunale per i minorenni di Milano, Ciro Cascone, ha smentito la notizia definendo deleteria questa versione che potrebbe innescare meccanismi di emulazione

Cascone ha parlato dei protagonisti come di "due ragazzi sofferenti che vanno aiutati” e ha precisato che "si tratta di spinte autolesionistiche che ci sono sempre state tra i ragazzi e che in generale possono essere anche acuite dal lockdown, di ferite che qua sono evidenti e che spesso i ragazzi si fanno in silenzio".

Le indagini sono ancora in corso. Intanto il 17enne è stato denunciato per lo sfregio al volto dell’amica, che dovrà essere ascoltata a sua volta dai Carabinieri.

(Credits photo: Getty)

SEGUICI