nfo@italiaradio.eu Whatsapp +39 (366)-(188)-545

Potere della musica: influisce anche... sul sapore del caffè!

Potere della musica: influisce anche... sul sapore del caffè!
Da: News Pubblicato In: Gennaio 12, 2021 Visualizzato: 15

Potere della musica: influisce anche... sul sapore del caffè!

Il mondo della ristorazione e della distribuzione alimentare analizza da tempo il rapporto tra musica di sottofondo e scelte dei clienti: secondo alcune ricerche effettuate, in base all’accompagnamento musicale, infatti, le persone tendono a scegliere piatti e vini diversi, oppure a consumare di più o di meno. Questi, in realtà, sono studi di marketing che servono per analizzare l’esperienza multisensoriale delle persone che decidono di pranzare o cenare fuori, così da riuscire a stimolare i loro sensi e offrire loro i piatti che possono andare incontro ai loro gusti.

Dietro a questi studi, però, c’è molto qualcosa che va oltre il semplice piacere o fastidio che si prova quando si ascolta un determinato suono di sottofondo e il conseguente gusto o disgusto nei confronti di una pietanza. Queste ricerche, infatti, hanno evidenziato che i rumori sono in grado di influenzare la nostra percezione di alcuni sapori.

Uno studio pubblicato su Food Quality and Preference, ad esempio, ha rilevato che il sapore del caffè può essere percepito in maniera diversa a seconda del rumore nell’ambiente circostante. Per dimostrarlo è stato fatto un esperimento su 400 persone alle quali sono state date due tazze di caffè. La prima è stata assaggiata mentre di sottofondo c’era molto rumore, pari a quello che si può ascoltare in un bar nell’ora di punta; la seconda, invece, è stata bevuta mentre di sottofondo si sentivano rumori più pacati, gli stessi della prima situazione, ma a un volume più moderato.

I dati ottenuti con questo test hanno evidenziato che quando c’era più rumore i partecipanti hanno percepito di meno l’amarezza, la dolcezza e l’acidità del caffè, così come l’intensità del suo aroma. Secondo gli esperti, una possibile spiegazione a tutto questo risiederebbe nel fatto che i rumori di sottofondo riescono a catturare l’attenzione delle persone, impedendo loro di concentrarsi sull’esperienza gustativa.

Lo stesso studio ha evidenziato che per gli altri alimenti, invece, le persone riescono a percepire meno il dolce e il salato quando c’è troppo rumore nell’ambiente circostante. La croccantezza di un alimento, invece, viene percepita di più in queste situazioni; altri studi hanno poi rilevato che la musica soft consente di percepire meglio la cremosità e la dolcezza del cioccolato, mentre una musica più dura esalterebbe l’amarezza del cioccolato fondente.

Altre ricerche, infine, hanno evidenziato che nei ristoranti in cui i suoni di sottofondo sono più calmi e rilassanti i clienti tendono a scegliere piatti più sani; in ambienti più caotici e rumorosi, invece, si tende a consumare piatti più saporiti e grassi. In sostanza, l’udito e il gusto sembrano essere davvero strettamente correlati: quando il primo viene eccessivamente stimolato, il secondo sembra aver bisogno di consumare cibi più saporiti. I suoni, dunque, influenzano il nostro modo di mangiare e, anche per questo motivo, molti ristoranti scelgono di accompagnare i clienti durante i pasti con un sottofondo più soft o più rumoroso in base al tipo di cucina che offrono e alla loro volontà di influenzarli nelle scelte del menù. L’importante è saperlo.

(Credits: Getty Images)

SEGUICI