nfo@italiaradio.eu Whatsapp +39 (366)-(188)-545

Verso l’Infinito e oltre: un viaggio nei luoghi cari a Giacomo Leopardi

Verso l’Infinito e oltre: un viaggio nei luoghi cari a Giacomo Leopardi
Da: Viaggi Pubblicato In: Agosto 13, 2020 Visualizzato: 47

Verso l’Infinito e oltre: un viaggio nei luoghi cari a Giacomo Leopardi

Recanati e non solo: ecco dove il maggior poeta dell’Ottocento ha condotto la sua breve e prolifica esistenza.

Un Romanticismo vissuto lungo tutto lo Stivale. Considerato il maggior poeta dell’Ottocento, Giacomo Leopardi ha condotto un’esistenza breve ma decisamente intensa. Al netto di un pessimismo figlio della patologia che lo affliggeva e che lo ha strappato alla vita pochi giorni prima di compiere 39 anni a causa di uno scompenso cardiaco, il poeta e scrittore marchigiano ha avuto modo di portare il proprio estro in giro per l’Italia. Scopriamo dove.

Recanatese di nascita e discendente di una delle più nobili famiglie del paese, il poeta dell’"Infinito" ha legato alle terre dell’infanzia i suoi primi 25 anni di vita. Nei luoghi in cui ha composto la sua opera più famosa, è oggi possibile visitare Palazzo Leopardi, in cui è presente la biblioteca in cui trascorse i sette anni di “studio matto e disperatissimo” e il colle Tabor su cui è apposta la targa con inciso il verso “Sempre caro mi fu quest’ermo colle”. Una visita che vale la pena fare almeno una volta, specialmente tra primavera ed estate quando dai colli si può ammirare l’affascinante panorama offerto dalla Riviera del Conero.

Dal centro, al Nord al Sud. Gli ultimi anni della vita di Leopardi lo videro risalire la penisola e soggiornare anche a Milano, Bologna, Pisa e Firenze. In quella che divenne la seconda capitale d’Italia, ebbe modo di conoscere l’amico Ranieri e di innamorarsi di Fanny Torgioni Tozzetti, mentre in precedenza raggiunse anche l’attuale capitale, Roma. L’ultimo periodo lo trascorse invece a Napoli e a Torre del Greco, nella Villa delle Ginestra in cui compose la celebra poesia “La ginestra”. Proprio nel capoluogo campano, in piena epidemia di colera, incontrò la morte, lasciando a soli 38 anni un’eredità morale e lirica ineguagliabile.

(Foto Getty Images)

SEGUICI