nfo@italiaradio.eu Whatsapp +39 (366)-(188)-545

Il microonde, lo zucchero e i peli: tutte le bugie che vi hanno raccontato

Il microonde, lo zucchero e i peli: tutte le bugie che vi hanno raccontato
Da: Lazio Notizie Pubblicato In: Settembre 18, 2020 Visualizzato: 15

Il microonde, lo zucchero e i peli: tutte le bugie che vi hanno raccontato

Diciamoci la verità: quante volte i nostri genitori o i nostri nonni ci hanno spacciato per verità cose di comodo. Falsi miti con i quali siamo cresciuti, ma che in realtà non corrispondono affatto a verità. E che, ammettiamolo, a volte ci hanno messo anche in difficoltà. È ora di accettare che i peli non ricrescono più duri dopo il primo taglio e che l'ananas e il caffè non fanno dimagrire. Ecco le 10 idee sbagliate che tutti crediamo essere vere.

1. Dormire con i capelli bagnati fa venire il raffreddore

Prendere freddo non è mai una buona abitudine, ma in fatto di raffreddore si può stare tranquilli. Il raffreddore e l'influenza sono causati da virus. Coricarsi con i capelli umidi, quindi, non vi farà ammalare.

2. Il consumo di zucchero rende i bambini iperattivi

Non esiste alcun collegamento tra l'assunzione di zuccheri e la sovreccitazione dei bambini. Nessuno studio, infatti, ha mai dimostrato che lo zucchero provochi iperattività nei più piccoli. Semmai questi potrebbero eccitarsi solo per il semplice fatto di potersi gustare l'agognato dolcetto o gelato.

3. Lavarsi le mani uccide i batteri

Mai come ora occorre sfatare questo mito. Lavarsi le mani con il sapone non uccide i batteri ma semplicemente li fa scivolare via. Il detergente rimuove i batteri che restano attaccati agli olii che naturalmente si trovano sulla pelle. Sciacquando le mani questi vengono rimossi insieme ai batteri.

4. Stare vicini al microonde fa venire il cancro

Le radiazioni che si generano dall'utilizzo del microonde non sono nocive né per l'uomo né per gli animali. Le emissioni dell'elettrodomestico, infatti, non essendo ionizzanti non sono in grado di modificare il dna dei corpi. Per questo sono sicuri e innocui.

5. Rasarsi i peli li fa ricrescere più duri

I peli rasati non sono più spessi dopo la rasatura. Essi vengono percepiti più duri perché perdono la punta affusolata (cioè la parte più morbida del pelo), lasciando affiorare la radice più grossa e spessa. Allo stesso modo rasarsi i peli non li fa crescere più folti e neanche numerosi.

6. Un anno canino equivale a sette anni umani

Il "mito" potrebbe essere verosimile ma non corretto. L'età di un cane per essere convertita in anni umani deve tenere in considerazione la razza canina e le dimensioni dell'animale. Ad esempio a parità di anni canini, un bassotto potrebbe essere più vecchio di un cane lupo.

7. L'ananas fa dimagrire

L'ananas, come altri alimenti definiti "brucia-grassi", non ha alcun effetto sugli accumuli di grasso. Essendo però un frutto composto per l80% di acqua ha un bassissimo apporto calorico quindi mangiaro fa bene in un regime dietetico.

8. Toccare un uccellino lo farà "rifiutare" dalla madre

Si dice che toccare un uccellino porti la madre ad abbandonarlo per colpa dell'odore. Niente di più sbagliato. Gli uccelli non hanno un olfatto sviluppato a causa delle loro piccole narici. Per questo l'odore dell'uomo non viene percepito dai volatili. La madre riconoscerà sempre il suo piccolo.

9. La respirazione bocca a bocca può rianimare un cuore fermo

La respirazione bocca a bocca non fa tornare le persone in vita. Questo è un dato di fatto. La pratica consiste - in realtà - nel mantenere ossigenati i polmoni affinché il cervello non subisca danni irreparabili dalla momentanea assenza di battito. Per questo la respirazione bocca a bocca viene associata al massaggio cardio-toracico nel caso di arresto cardiaco.

10. Gli esseri umani hanno cinque sensi

Tatto, vista, udito, gusto e olfatto non sono i soli sensi che l'essere umano può sfruttare, anche se sono i più utilizzati. Secondo gli scienziati le capacità sensoriali a cui l'uomo può ricorrere sono almeno dieci tra le quali la propriocezione (capacità di essere consapevoli del proprio corpo) e la termocezione (la distinzione delle variazioni di temperatura da parte del corpo).

SEGUICI