Napoli, Detenuto nel carcere di Poggioreale ingerisce un cellulare

Napoli, a Poggioreale un detenuto nasconde il cellulare in pancia per un mese
Il 40enne ha ingerito un telefonino, introdotto di nascosto in cella, per sfuggire a un controllo degli agenti della Penitenziaria. Poi si è sentito male e le lastre hanno evidenziato lʼapparecchio nello stomaco

Nel carcere napoletano di Poggioreale un detenuto di 40 anni ha ingoiato un cellulare per sfuggire ai controlli della polizia penitenziaria e per un mese l'apparecchio è rimasto nel suo stomaco. L'uomo, dopo qualche tempo, ha accusato dolori all'addome ed è stato trasportato al pronto soccorso dell'ospedale del Mare per essere sottoposto a una lastra che ha evidenziato la presenza del telefonino. Operato in laparoscopia, l'uomo è fuori pericolo.
Come riferito da Il Mattino, il 40enne detenuto comune (del quale non sono state rese note le generalità) era riuscito, per motivi ancora da chiarire (c'è una doppia indagine in corso), a introdurre nella cella il telefono cellulare di 8 per 2 centimetri. Quando si è reso conto che gli agenti della polizia penitenziaria stavano per fare una perquisizione, ha deciso di ingerirlo.

Il ricovero - Col passare dei giorni, l'uomo ha iniziato ad accusare dolori sempre più intensi e si è reso necessario il suo trasferimento nell'infermeria del carcere, dove è rimasto per quasi un mese. Le sue condizioni però continuavano a peggiorare e, dopo l'ennesimo collasso, è stato trasportato all'ospedale del Mare per una lastra all'addome che ha evidenziato la presenza dell'apparecchio nello stomaco.

L'operazione - Il 40enne è stato quindi sottoposto a un intervento in laparoscopia. Incredibilmente il detenuto è sopravvissuto allo scioglimento delle batterie al litio e al rilascio di altre componenti chimiche nocive ed è ora fuori pericolo.

Nuovi casi a Poggioreale - Nelle ultime settimane, le ispezioni della Penitenziaria all'interno del carcere di Poggioreale hanno portato alla scoperta di altri telefonini. Nel primo caso i controlli hanno consentito di scoprire un apparecchio nascosto all'interno di un polpettone spedito dalla moglie a un detenuto. Più grave il secondo episodio, denunciato dal segretario campano del Sindacato autonomo di polizia penitenziaria, Emilio Fattorello: un detenuto ha aggredito alcuni agenti che avevano rinvenuto un cellulare nella cella. L'uomo, dopo aver dato in escandescenza, ha anche ingerito la Sim all'interno del telefono.